DSpace - Tor Vergata >
Facoltà di Lettere e Filosofia >
Tesi di dottorato in lettere e filosofia >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2108/973

Full metadata record

DC FieldValueLanguage
contributor.advisorPiva, Francesco-
contributor.authorSalsano, Fernando-
date.accessioned2009-08-03T10:38:02Z-
date.available2009-08-03T10:38:02Z-
date.issued2009-08-03T10:38:02Z-
identifier.urihttp://hdl.handle.net/2108/973-
description19. cicloen
description.abstractAmong the various urbanistic realizations which changed the face of Rome during the Fascist Administration, the giant transformation of the Historical Center, made by the so called "sventramentri" is most probably the main attraction for the researcher in the field. However the social effects due to the consequential disaggregation of the previous ancient urban network built up in a whole period longer than thousand years of stratification appear so far not deeply investigated. This PhD dissertation has as a focus the reconstruction of the peculiar aspects and properties of the expropriated properties (ex building), of the familiar nuclei subjected to eviction and of the economical activities existing during the demolition time, with a systematic learning of the available information by repositories sources (largely unknown) which interests a test area such that Campidoglio, Piazza Venezia, Fori Imperiali and their boundaries belong to it. The analysis of the documentation concerning the expropriation practices of the demolished buildings allows us the knowledge of the negotiation terms between landlords and the official administration as well as the possibility of understanding the different behaviours adopted by the citizen subjected to eviction. The first steps have been to work out a social-economic map of the destroyed area in order to determine, with the necessary and achievable precision, the next destination of the evicted families and to evaluate the effects of such a transformation on the dynamics of the territorial distribution of the population, considering also the interaction with the living emergency due to the end of the constraining regime of the rents and of the existing operations of "sbaraccamento". Attempting the elaboration of a complete evaluation of the "deportation" phenomenon of the dwellers of the Historical Center toward the periphery we can state that it doesn't appear just of less importance with respect to the traditional consolided consideration but, primarly, consequence of a social selection process much more detailed, partially self emerging and partially explicity driven by the politics of public help in the housing sector. In fact, during the collocation of the evicted citizen a strong criteria of separation, by which the final destination of the citizen were directly connected with their position in the social being, has been applied: The analysis of the bureaucratic mechanics by which the evicted families collocation has started hallows us to put in evidence, as a sideline of the role due by the "sbentramenti" in the social division of population process, also the existing link between the assistance activities and population control, fundamental knot for the understanding of the social behaviour adopted by the Fascist Regime.en
description.abstractTra le realizzazioni urbanistiche che mutarono il volto di Roma durante il periodo di amministrazione fascista, la trasformazione monumentale del centro storico, effettuata tramite i cosiddetti «sventramenti», è probabilmente quella che ha più attirato l’interesse degli studiosi. Poco indagati risultano tuttavia gli effetti sociali seguiti allo smantellamento di un tessuto urbano di millenaria stratificazione, che non sono mai stati analizzati approfonditamente. La tesi di dottorato intende quindi ricostruire, attraverso lo studio di fonti archivistiche per la gran parte inedite, le caratteristiche delle proprietà immobiliari espropriate, dei nuclei familiari sfrattati e delle attività economiche presenti, al momento delle demolizioni, in un’area campione che comprende i territori circostanti il Campidoglio, piazza Venezia e i Fori imperiali. L’analisi della documentazione relativa alle pratiche di esproprio e agli sgomberi degli immobili demoliti permette di conoscere i termini delle negoziazioni tra proprietari e amministrazione e di distinguere i diversi comportamenti adottati dagli abitanti sfrattati. La stesura di una mappa socio-economica delle aree demolite costituisce il primo passo per determinare con precisione la successiva destinazione delle famiglie sfrattate e valutare gli effetti di tale trasformazione sulle dinamiche di distribuzione territoriale della popolazione, considerando anche l’interazione con l’emergenza abitativa determinata dalla fine del regime vincolistico degli affitti e dalle operazioni di «sbaraccamento». Nel tentativo di elaborare una valutazione complessiva del fenomeno della «deportazione» di abitanti dal centro storico in periferia, si può affermare che esso non solo appare di minore entità rispetto alla tradizionale considerazione che se ne è avuta ma, soprattutto, frutto di un processo di selezione sociale più articolato, in parte spontaneo e in parte esplicitamente indirizzato dalle politiche di intervento pubblico nel settore abitativo. Durante la sistemazione degli abitanti sfrattati fu infatti applicato un rigido criterio di separazione, per cui la destinazione degli abitanti era direttamente legata alla loro posizione nella sfera sociale. L’analisi dei meccanismi amministrativi attraverso i quali si realizzò il ricollocamento delle famiglie sfrattate permette quindi di evidenziare, accanto al ruolo svolto dagli sventramenti nel processo di divisione sociale della popolazione, anche il nesso intercorrente tra attività di assistenza e controllo della popolazione, nodo fondamentale per la comprensione delle politiche sociali adottate dal regime fascista.en
format.extent1263740 bytes-
format.mimetypeapplication/pdf-
language.isoiten
subjectRomaen
subjectfascismoen
subjectcentroen
subjectperiferiaen
subjectpopolazioneen
subjectterritorioen
subjectfamiglieen
subjectsventramentien
subjectborgateen
subjectassistenza socialeen
subject.classificationM-STO/04 Storia contemporaneaen
titleIl ventre di Roma: trasformazione monumentale dell'area dei fori e nascita delle borgate negli anni del governatorato fascistaen
typeDoctoral thesisen
degree.nameStoria politica e sociale dell'Europa moderna e contemporaneaen
degree.levelDottoratoen
degree.disciplineFacoltà di lettere e filosofiaen
degree.grantorUniversità degli studi di Roma Tor Vergataen
date.dateofdefenseA.A. 2006/2007en
Appears in Collections:Tesi di dottorato in lettere e filosofia

Files in This Item:

File Description SizeFormat
Salsano_tesi.pdf1234KbAdobe PDFView/Open

Show simple item record

All items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved.