DSpace - Tor Vergata >
Facoltà di Medicina e Chirurgia >
Tesi di dottorato in medicina >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2108/847

Full metadata record

DC FieldValueLanguage
contributor.advisorZago, Myrka-
contributor.authorGravano, Silvio-
date.accessioned2009-04-14T10:09:18Z-
date.available2009-04-14T10:09:18Z-
date.issued2009-04-14T10:09:18Z-
identifier.urihttp://hdl.handle.net/2108/847-
description21. cicloen
description.abstractI dati di letteratura sembrano suggerire una fondamentale inaccessibilità del modello della gravità a livello cognitivo coerentemente con gli studi sulla così detta “fisica ingenua”. Quando si chiede ad un soggetto, anche esperto delle leggi della fisica, di rispondere, senza aver tempo per riflettere, sul moto di un oggetto, esso commette regolarmente degli errori di valutazione interpretabili come l'utilizzo istintivo di una forma di conoscenza interna delle leggi della fisica simile a quella medioevale dell'Impeto. (Kozhevnikov & Hegarty 2001, Zago & Lacquaniti 2005). Questi studi hanno messo in luce come la nostra conoscenza del mondo esterno sia dissociata in tre forme. La conoscenza implicita motoria è quella istintiva, motoria, che agisce a-priori e che ci permette di interagire correttamente con il moto accelerato terrestre (McIntyre et al. 2001, Indovina et al. 2005), ma non altrettanto bene in condizioni microgravitazionali. La conoscenza implicita percettiva, che si basa sulla ricostruzione che noi facciamo in modo intuitivo del mondo attraverso i nostri sensi e che è quindi limitata dei difetti delle nostre percezioni; essa è, quindi, la raccolta delle nostre conoscenze intuitive del mondo ed è ciò che noi usiamo per prevedere quel che può avvenire intorno a noi. L'ultima forma di conoscenza è la conoscenza esplicita. Essa è la summa cognitiva della nostra conoscenza del mondo, per i più esperti si fonda sugli studi fatti sulle leggi della fisica, per i meno esperti si basa sulle conoscenze intuitive. Ma essendo comunque una forma di conoscenza cognitiva essa non ha accesso a sistemi di elaborazioni intuitivi ed inconsci a basso livello (e per questo veloci), ma sfrutta le aree di elaborazione mentale ad alto livello (e per questo lente) per effettuare elaborazioni ad alta definizione come l'immaginazione visiva (rotazione mentale di oggetti, riconoscimento di forme, esplorazione mentale di mappe ed immagini). I risultati che abbiamo ottenuto sembrano suggerire che l’immaginazione mentale del moto fisico degli oggetti occupi una posizione a se stante nel contesto delle rappresentazioni neurali. Infatti, i risultati hanno mostrato come nella maggior parte dei soggetti la durata immaginata del moto della pallina virtuale obbedisce assai da vicino alle leggi della fisica, sia per moti immaginati a velocità costante (0g) che per moti soggetti alla forza di gravità terrestre (1g). Bisogna sottolineare come la relazione tra la durata del moto e la velocità di lancio impartita sia caratterizzata da una forte non linearità. Tale non linearità non è prevista né da rappresentazioni di fisica ingenua del tipo di quelle precedentemente rivelate negli studi di conoscenza esplicita verbalizzabile, né da rappresentazioni delle leggi di moto governate dalla gravità terrestre, quali quelle utilizzate dal sistema motorio in compiti di prensione di oggetti in caduta libera. Inoltre, i risultati hanno mostrato come i soggetti tendano ad utilizzare velocità di lancio sistematicamente più basse per palline non soggette alla gravità rispetto alle quelle utilizzate per palline soggette alla gravità terrestre. Solo un cervello che “conosca” le leggi di Newton sarebbe in grado di sfruttare la possibilità di utilizzare velocità più basse per moti 0g, risparmiando energia meccanica e metabolica, così come solo un cervello che abbia internalizzata la legge di gravità sarebbe in grado di usare velocità superiore ad un valore soglia (funzione dell’altezza di lancio immaginata) per moti 1g.en
description.sponsorshipAgenzia spaziale italiana (ASI)en
description.tableofcontents1 Introduzione - 2 Cosa è l'immaginazione - 2.1 l'immaginazione motoria - 2.2 L'immaginazione visiva - 2.3 Relazione tra esecuzione e immaginazione motoria - 2.4 Il dibattito sull'immaginazione visiva - 2.5 Schema teorico dell'immaginazione - 2.6 Bibliografia. - 3 Basi biologiche dell'immaginazione e della percezione della gravità - 3.1 Fondamenti neurofisiologici dell'immaginazione - 3.2 Limiti e caratteristiche della percezione visiva - 3.3 Percezione della gravità - 3.4 La fisica ingenua - 3.5 Bibliografia. - 4 Immaginazione e percezione della gravità - 4.1 Descrizione del protocollo imagine - 4.2 Gli strumenti (hpa, elite-s2, optotrak) - 4.3 Metodologia e soggetti - 4.4 Modello fisico dei lanci - 4.5 Risultati e discussione. - 5 Conclusioni - 5.1 ipotesi - 5.2 Tesi - 5.3 Domande alla fine - 5.4 Bibliografia. - 6 Un approccio innovativo di stimolazione meccanica del piede come contromisura alla mancanza di segnali sensoriali di contatto al suolo dovuti all'attrazione di gravità - 6.1 Introduzione - 6.2 Metodi - 6.3 Risultati - 6.4 Discussione - 6.5 Bibliografiaen
format.extent2675299 bytes-
format.mimetypeapplication/pdf-
language.isoiten
subjectimmaginazioneen
subjectgravitàen
subject.classificationMED/26 Neurologiaen
titleImmaginazione e percezione della gravitàen
typeDoctoral thesisen
degree.nameDottorato in neuroscienzeen
degree.levelDottoratoen
degree.disciplineFacoltà di medicina e chirurgiaen
degree.grantorUniversità degli studi di Roma Tor Vergataen
date.dateofdefenseA.A. 2008/2009en
Appears in Collections:Tesi di dottorato in medicina

Files in This Item:

File Description SizeFormat
Gravano_TesiDottorato.pdf2612KbAdobe PDFView/Open

Show simple item record

All items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved.