DSpace - Tor Vergata >
Facoltà di Medicina e Chirurgia >
Tesi di dottorato in medicina >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2108/685

Full metadata record

DC FieldValueLanguage
contributor.advisorManni, Gianluca-
contributor.authorOddone, Francesco-
date.accessioned2008-11-11T09:11:24Z-
date.available2008-11-11T09:11:24Z-
date.issued2008-11-11T09:11:24Z-
identifier.urihttp://hdl.handle.net/2108/685-
description20. cicloen
description.abstractObiettivo: Confrontare le caratteristiche demografiche, fenotipiche oculari e gentiche, dei pazienti con Sindrome da Dispersione di Pigmento (PDS), Glaucoma Pigmentario (PG), glaucoma primario ad angolo aperto (POAG) e nei soggetti sani. Disegno: Trasversale osservazionale con gruppo di controllo. Materiali e metodi: Lo screening dei pazienti è stato effettuato presso l’ambulatorio del centro glaucoma del Policlinico di Tor Vergata, Roma. Dopo la raccolta dei dati anamnestici e demografici i pazienti sono stati sottoposti ad una visita oftalmologica completa e al prelievo di un campione di sangue periferico. La vista oculistica ha previsto la misurazione dell’acuità visiva naturale e corretta, della pressione intraoculare, della profondità della camera anteriore, dello spessore del cristallino e della lunghezza assiale del bulbo oculare. In aggiunta tutti i pazienti sono stati sottoposti ad esame oftalmoscopico del fondo oculare e gonioscopico dell’angolo iridocorneale al fine di identificare e stadiare la pigmentazione trabecolare e la concavità iridea. Tutti I soggetti sono stati sottoposti all’esame del campo visivo computerizzato. Il DNA è stato estratto dai linfociti periferici. L’analisi genetica ha incluso lo studio della frequenza del polimorfismo Myoc mt1 (-1000 C/G) nelle diverse popolazioni prese in esame ed il sequenziamento completo del gene LOXL1. Risultati: Il bulbo oculare è risultato significativamente più lungo nei casi di PG/PDS rispetto ai controlli. Il cristallino è risultato essere significativamente più spesso nei casi rispetto alla popolazione di controllo. Non sono state riscontrate differenze tra PDS e PG nell’incidenza di concavità e difetti di transilluminazione iridea. Un grado marcato di concavità iridea è stato trovato associato in maniera significativa ad uno spessore ridotto del cristallino (p=0,045), mentre non è stata dimostrata alcuna relazione tra il grado di pigmentazione trabecolare e la presenza di concavità iridea. Tuttavia un grado severo di pigmentazione trabecolare si è dimostrato significativamente associato con un danno funzionale maggiore. I risultati dell’indagine genetica hanno dimostrato che nei 59 casi di PDS/PG,la frequenza dell’allele G è risultata essere del 0.06 compatibile con una frequenza del genotipo C/G di 0.12; nei 177 casi di POAG la frequenza dell’allele G è risultata essere dello 0.07 compatibile con una frequenza del genotipo C/G di 0.14; nei 125 controlli la frequenza dell’allele G è risultata essere dello 0.116 compatibile con una frequenza del genotipo C/G di 0.23. Il sequenziamento dell’intero gene LOXL1 ha permesso di identificare un interessante SNPs, rs 2304722 C/T, localizzato nell’esone 6 del gene; l’allele C di tale variazione di sequenza sembra presentare una frequenza significativa diversa rispetto all’atteso solo nei casi di glaucoma pigmentario e non nelle altre due popolazioni in esame, POAG e controlli sani. Conclusioni. I pazienti affetti da PG/PDS sono caratterizzati da un bulbo oculare più lungo e da un cristallino più spesso. Il grado di concavità iridea non influenza la severità della pigmentazione trabecolare che risulta però associata allo stadio del danno funzionale. Non è stata osservata alcuna relazione significativa tra la presenza del fenotipo glaucomatoso e il polimorfismo al locus MYOC mentre è stato identificato un interessante SNP localizzato nell’esone 6 del gene LOXL1 la cui frequenza è risultata significativamente diversa nei casi di PG rispetto alla popolazione affetta da POAG e rispetto ai controlli.en
description.abstractObjective: To compare demographic, phenotypic and genetic characteristics of pigmentary dispersion syndrome, pigmentary glaucoma patients, primary open angle glaucoma and control subjects. Study design: Cross-sectional, observational, case-control study. Materials and methods: Patients and control subjects were screened at the outpatient clinic of the Policlinico of Tor Vergata, University of Tor Vergata, Rome, Italy. All subjects underwent a complete ophthalmological phenotypization including best corrected visual acuity, applanation tonometry, axial length (AxL), anterior chamber depth and lens thickness mesurement, visual field testing, ophthalmoscopy, and gonioscopy. Genomic DNA was extracted from peripheral blood lymphocytes by standard phenol-chloroform extraction. Myoc mt1 mutation was analysed using a Real-Time TaqMan genotyping assay (Applied Biosystems, Foster City, CA). LOXL1 gene sequence was also compared across the study populations. Results: AxL was found to be significantly greater in PG/PDS patients compared to controls while lens thickness was found to be significantly lower in control subjects. No differences in iris concavity or iris transillumination were found between PG and PDS. Deeper iris concavity was found to be associated with thinner lens thickness. The extent of iris concavity was not associated with the extent of trabecula meshwork pigmentation. Genotype frequency of Myoc mt1 heterozygous (G/C) was 0,12 in PG, 0,14 in POAG, and 0,23 in controls corresponding to an odds ratio of 0,44 for PG and 0,54 for POAG. Sequencing of LOXL1 allowed to find an interesting SNP, rs 2304722 C/T, located at the Exon 6, which was found to have a significantly diferent frequency in PG compared to POAG or control subjects. Conclusions: PG/PDS patients have a longer AxL and a thicker lens compared to helthy control subjects. The extent of iris concavity doesn’t influence the severity of trabecular meshwork pigmentation which is rather associated to the extent of functional damage. No significant differences were observed in the frequency of the mt1 variant between PG/PDS patients and healthy subjects. An interesting SNP located at the exon 6 of the LOXL1 gene, rs 2304722 C/T, has been identified.en
description.tableofcontentsGeneralità sulla malattia glaucomatosa - Sindrome da dispersione di pigmento e glaucoma pigmentario - Aspetto clinico - Segni clinici di PDS o PG nelle diverse strutture oculari - Associazione con altre patologie - Diagnosi - Approccio terapeutico - Prevenzione - La genetica del glaucoma - Loci di suscettibilità genetica GLC. - Il Gene MYOC - Polimorfismo MYOC mt1(-1000 C/G) - Genetica del Glaucoma Pigmentario - Overlapping Syndrome: Glaucoma pseudoesfoliativo/GlaucomaPigmentario - Gene LOXL1 e Glaucoma Pseudoesfoliativo - Obiettivi dello Studio - Materiali e Metodi - Disegno dello studio - Phenotipizzazione - POAG Patients: PG patients: controls subjects - Variabili d’esame - Scala dei parametri qualitativi nel Glaucoma Pigmentario/Sindrome da dispersione pigmentaria: Analisi Genetica - Estrazione del DNA - Analisi Statistica - Risultati - Risultati biometrici/funzionali - Analisi Genetica - Tipizzazione genetica della casistica per lo SNP mt(-1000C/G) - Sequenziamento gene LOXL1 - Discussione e Conclusioni - Bibliografiaen
format.extent1070673 bytes-
format.mimetypeapplication/pdf-
language.isoiten
subjectglaucoma pigmentarioen
subjectmyocen
subjectloxl1en
subject.classificationMED/03 Genetica medicaen
titleVariabilità genetica e fenotipica del glaucoma pigmentarioen
title.alternativePhenotypic and genetic variability of pigmentary glaucomaen
typeDoctoral thesisen
degree.nameDottorato in tecnologie avanzate in biomedicinaen
degree.levelDottoratoen
degree.disciplineFacoltà di medicina e chirurgiaen
degree.grantorUniversità degli studi di Roma Tor Vergataen
date.dateofdefenseA.A. 2007/2008en
Appears in Collections:Tesi di dottorato in medicina

Files in This Item:

File Description SizeFormat
TESI_ODDONE_FINALE 16-06-08.pdf1045KbAdobe PDFView/Open

Show simple item record

All items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved.