DSpace - Tor Vergata >
Facoltà di Medicina e Chirurgia >
Tesi di dottorato in medicina >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2108/546

Title: Il GM-CSF può promuovere il differenziamento di monociti umani in cellule dendritiche dotate di distinte proprietà immuno-stimolatorie e migratorie: ruolo dell'espressione del recettore del GM-CSF
Authors: Gessani, Sandra
Cardone, Marco
Keywords: monociti
cellule dendritiche
macrofagi
cellule: differenziamento
GM-CSF
malattie infiammatorie
cancro
vaccini anti-tumorali
malattie autoimmuni
Issue Date: 7-Jul-2008
Abstract: Le cellule dendritiche mieloidi (DCs) e i macrofagi evolvono da un precursore comune. Comunque, è ancora poco chiaro quale siano i fattori che controllano il differenziamento dei monociti in DC o macrofagi. Noi abbiamo riportato che la densità di superficie della subunità α del recettore del GM-CSF (GM-CSFR) in monociti del sangue periferico umano varia tra i diversi donatori. Sebbene poi nessuna correlazione sia stata trovata tra l’entità di espressione del GM-CSFR e la capacità di monociti di differenziare in DC in presenza di GM-CSF e IL-4, l’espressione del GM-CSFR è stata vista però influenzare fortemente la generazione di cellule CD1a+ DC-like in assenza di IL-4. Le cellule CD1a+ generate in presenza del solo GM-CSF sono risultate esprimere le molecole CD40, CD80, MHC I and II, DC-SIGN, MR, CCR5 e mantenere in modo parziale il CD14. Queste stesse cellule sono state anche trovate capaci di indurre spontaneamente l’espansione di linfociti T CD4+ and CD8+ allogenici rilascianti IFN...
Description: 20. ciclo
URI: http://hdl.handle.net/2108/546
Appears in Collections:Tesi di dottorato in medicina

Files in This Item:

File Description SizeFormat
Microsoft Word - Tesi di dottorato Dr. Marco Cardone.pdf546KbAdobe PDFView/Open

Show full item record

All items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved.