DSpace - Tor Vergata >
Facoltà di Economia >
Tesi di dottorato in economia >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2108/1011

Full metadata record

DC FieldValueLanguage
contributor.advisorMagrini, Sergio-
contributor.authorGrandi, Barbara-
date.accessioned2009-08-07T13:20:07Z-
date.available2009-08-07T13:20:07Z-
date.issued2009-08-07T13:20:07Z-
identifier.urihttp://hdl.handle.net/2108/1011-
description21. cicloen
description.abstractLa ricerca utilizza la prospettiva di un ordinamento di common law per contribuire allo studio della definizione del rapporto di lavoro e in particolare del rapporto di lavoro subordinato. Il presente studio, così tributario di una ottica comparata, indaga il fenomeno della subordinazione attraverso una preliminare scomposizione delle sue tre dimensioni costitutive: quella della concettualizzazione giuridica, quella degli effetti giuridici (intesi sinteticamente come tutele) e quella fattuale che richiama gli elementi socio-economici fondanti la condizione della dipendenza considerata ontologicamente e praticamente. In termini espositivi si rileva come l’intento di definire la subordinazione si sposi con la necessità di discernere, ulteriormente, sotto il profilo temporale, tenendo separata quindi la definizione ex ante (o qualificazione propriamente detta) dalla definizione ex post. Lo studio arriva a rilevare il ruolo del diritto casistico quale non solo fondante, ma anche fisiologico e ineludibile per la corretta definizione della condizione del lavoratore subordinato; esso trova, nell’indagine della case law anglosassone in materia di interpretazione del rapporto, suggerimenti che possono costituire elementi di critica all’impianto categorico tipico del sistema italiano-continentale. Conclude con il rinvenire nella tecnica delle presunzioni legali assolute uno strumento di qualificazione efficace quanto delicato, poiché direttamente collegato al supporto di inderogabilità di cui sono fornite le tutele per il lavoro subordinato. Richiama le forme di consulenza preventiva alla stregua di percorsi efficaci verso una maggiore stabilizzazione delle aspettative. Suggerisce, infine, in una prospettiva di definizione della subordinazione ex post, il criterio ermeneutico della interpretazione orientata alla ratio della specifica tutela che sia oggetto di disputa e/o di accertamento, quale strumento di indirizzo del potere giurisprudenziale da parte del legislatore.en
description.abstractThe research is moved from the observation of outdated legal systems facing with an increasing complexity as governing the evolution of labour markets; an instance for reform is called both in common law and civil law countries. The common law perspective is used to highlight the essential role of case law as far as classification and qualification of any subordinated relationship is concerned. The analysis stress the point over the need to decompose the meaning of subordinated work: subordination is a legal concept, it is a matter of fact, it is a legal effect implying rights and duties. Also stressed within the process to define a subordinated relation of employment is a temporal dimension, since any a-priori definition is involving a different approach if compared with any ex post definition. Some conclusions are finally put forward.en
description.tableofcontentsCAPITOLO PRIMO, CAMPO DI INDAGINE E PREMESSE SUL SISTEMA DELLA COMMON LAW - 1.1 Premesse sul campo di indagine - Diritto del lavoro come diritto vivo e permeabile dai fatti economici e sociali; disciplina a carattere prevalentemente inderogabile; mandatory nature of labour law; “disponibilità” del tipo contrattuale in Italia e in Gran Bretagna; discrepanza fisiologica tra fatti e norme; interrogativo di quale sia la finalità del processo di definizione della subordinazione - 1.2 Il tema definitorio tra questione di fatto e questione di diritto, ovvero perché il tema della subordinazione è complicato - Il tema della subordinazione è sia una questione di diritto, sia una questione di fatto; discernere tra questioni di fatto e questioni di diritto; la norma giuridica; attività ricognitiva soggettiva che compone il fatto con il diritto - 1.3 Scomposizione del concetto di subordinazione - Concetto giuridico di tipo indeterminato; insieme di fatti e atti; effetto giuridico - 1.3.1. Subordinazione come concetto giuridico; premesse terminologiche e spunti dalla dottrina anglosassone - Contract e contratto; employment; rilettura delle categorie, intese come concetti e termini definitori; debolezza contrattuale; deficit democratico; lavoro economicamente dipendente; the personal employment contract; work personal nexus; duration and continuity of employment; purpose or motivation; analisi che non si pone sul versante politico della redistribuzione delle tutele, ma su quello analitico del riconoscimento delle fattispecie - 1.4 Comparazione tra common law e civil law nel diritto del lavoro - Influenza della tradizione inglese su quella continentale; modelli le cui diversità emergono in maniera tenue nello specifico della materia lavoristica - 1.5 Il diritto del lavoro nella cornice storico-istituzionale inglese - Mancanza di una Costituzione scritta; i rapporti tra il diritto emanato dal Parlamento (statute law) e la sua concreta attuazione da parte delle corti giudiziarie (case law); certezza del diritto codificato; tradizione feudale britannica; dialettica costante tra i poteri dello Stato e autonomia reciproca di questi poteri - 1.6 Il diritto privato e il diritto pubblico in Gran Bretagna e il sistema giudiziario - Interesse pubblico; forma costituzionale; rapporti tra Stato e diritto; corpo unitario alla disciplina del diritto del lavoro; nascita della common law; meccanismi di nomina dei giudici; corti di equity; il processo; il sistema giudiziario per le controversie di lavoro - 1.7 Il common law e la sua origine di sistema dualista tra diritto positivo e diritto equitativo - La mancanza di formalismo; mandatory or prohibitory injunction; circostanzialità della situazione soggettiva considerata. - CAPITOLO SECONDO, LA PROSPETTIVA “CIRCOSTANZIALE” NELLA DESCRIZIONE DEL CONTESTO SOCIO ECONOMICO - 2.1 Il contesto della subordinazione come fatto economico-sociale - Prospettiva fattuale; il carattere circostanziale - 2.2 Il carattere circostanziale in economia e nella società - Punto di vista economico; punto di vista culturale e giuridico - 2.3 Il carattere circostanziale nel rapporto di lavoro - 2.4 Circostanzialità e valori: due piani di indagine diversi - Considerazione preliminare del fatto quando l’ordinamento sia considerato nella sua funzione di attribuzione del trattamento giuridico; considerazione preliminare della norma sul fatto quando l’ordinamento agisce nella sua funzione regolatoria e di indirizzo; rapporto tra diritto ed economia; vicino al concetto di circostanzialità, nella prospettiva dell’intervento normativo, è il processo normativo giurisprudenziale - 2.5 La common law come espressione di empirismo moderno - 2.6 Circostanzialità e bisogno di certezza. - CAPITOLO TERZO, LA DEFINIZIONE DELLA SUBORDINAZIONE IN GRAN BRETAGNA - 3.1 Cenni alle origini e all’evoluzione del concetto giuridico di subordinazione - Fino alla fine del 1800 la civil law e la common law hanno seguito due strade diverse; relazione master – servant ; precisazioni a proposito della concezione c.d. “statutaria” del rapporto di lavoro - 3.2 Sulle origini e la collocazione sistematica del lavoro subordinato in Gran Bretagna - Il diritto del lavoro moderno; le prime trattazioni scientifiche risalgono a ben oltre il secondo dopoguerra; i Commentari di Blackstone; una comparazione dal punto di vista degli effetti giuridici; i primi interventi parlamentari; il concetto del control; definizioni normative di tipo circolare; vincolo di esclusiva; il control-test, funzione originaria ed evoluzione - 3.3 Sulle origini e la collocazione sistematica del rapporto di lavoro subordinato in Italia - Il dibattito sul concetto di subordinazione; influenze dalla rivoluzione francese; diritto del lavoro e sua aspirazione di tutela generalista o particolarista; teorie critiche; collegamento delle norme di tutela alla situazione di debolezza economico-sociale; contesto dottrinale ricco di soluzioni compromissorie; “forzata” riconduzione della disciplina del diritto del lavoro nella fattispecie negoziale della locazione di opere; mancata corrispondenza concettuale tra contratto di lavoro e rapporto di lavoro; “lo stare all’altrui servizio” non costituisce una definizione giuridica ma un semplice elemento fattuale; la configurazione del rapporto di lavoro è andata sganciandosi dalla interpretazione dei rapporti di lavoro come fattispecie concrete; non praticabilità del metodo sussuntivo inteso in modo ortodosso; indici rivelatori della subordinazione - 3.4 Tipologie di rapporto di lavoro in Gran Bretagna - 3.5 Cenni alle fonti regolative del rapporto di lavoro - 3.5.1. Le clausole espresse - 3.5.2. Le clausole implicite (implied terms) - Il regime si fonda sul “consent”, cioè sul consenso, pur tacito, delle parti; non sono circoscrivibili entro un numero chiuso; natura di default – rule della implied term; il limite della public policy - 3.5.3. Il potere manageriale - 3.5.4. Codici di buone pratiche – L’ ACAS; il “written statement” - 3.5.5. Contratti collettivi – Contrattazione collettiva e sindacalismo come fenomeno politico; principio di autonomia inteso come volontarietà; ancoraggi del diritto sindacale al sistema legale; la recognition - 3.5.6 La legislazione – Definizione legale di lavoratore subordinato; la natura legale (statutaria) delle tutele; l’Employment Relations Act 1999, sec.23; le maggiori tutele e il loro ambito di applicazione. - CAPITOLO QUARTO, L’EMERSIONE DELLA C.D. PARASUBORDINAZIONE IN ITALIA E IN GRAN BRETAGNA - 4.6 L’emersione della parasubordinazione – La necessità di redistribuire le tutele (per i rapporti la cui natura è oggettivamente ambigua); l’opportunità di eludere i regimi vincolistici del lavoro subordinato (elusione di regimi di tutela esistenti); costi economici che derivano dalla erronea qualificazione dei contratti - 4.2 In Italia; tra fattispecie e tutele – Il filone riformatore attento alle tutele; rivalutazione della volontà individuale nella fase della rilevazione delle differenze tra fattispecie - 4.3 In Gran Bretagna – Il riferimento alla figura del “worker”, come figura cui possono attribuirsi le tutele minime. - CAPITOLO QUINTO, DEFINIZIONE DELLA SUBORDINAZIONE EX POST E DEFINIZIONE DELLA SUBORDINAZIONE EX ANTE - 5.1 Definizione del rapporto di lavoro subordinato ex ante e definizione ex post - Il diritto casistico - 5.1.1. La qualificazione del rapporto/contratto - 5.2 Sulla definizione di subordinazione ex post: la giurisprudenza in Gran Bretagna - Sulla rilevanza della reale condotta tenuta dalle parti piuttosto che della lettera dei loro accordi formali; la subordinazione ex post - 5.2.1. Control test - 5.2.2 Integration test - 5.2.3 Mutuality of obligation test ed estensione delle tutele ai contratti di lavoro di breve durata - 5.2.4 Economic reality test - 5.2.5. Approccio misto, il multifactor test - 5.3 La casistica inglese. Orientamenti in tema di indici rivelatori della subordinazione - Il continuo dialogo tra realtà prettamente giuridica e realtà fattuale; Ready Mixed Concrete Ltd v Minister of Pensions and National Insurance; Cable & Wireless plc v Muscat; Byrne & Brothers v Baird; James v London Borough of Greenwich; Carmichael v National Powers plc; Consistent Group Ltd v Kalwak - 5.4 La c.d. purposive interpretation: interpretazione della natura del rapporto di lavoro orientata alla ratio della singola tutela - Interpretazione orientata al preliminare rinvenimento del fattore tipizzante esclusivo della etero direzione - Il contributo della Corte di Giustizia in termini di purposive interpretation - 5.5 Sulla definizione della subordinazione ex post - La considerazione dei fatti da una prospettiva ex post può portare infatti a pesare elementi che una qualificazione ex ante (ipotetica) non può considerare; l’uso dell’anglosassone reality test come rilevatore della dipendenza economica; la giurisprudenza italiana, metodo sussuntivo e tipologico conciliabili ex post sul piano pratico - 5.6 Sulla definizione della subordinazione ex ante - 5.6.1. Elementi di fatto rilevanti nella definizione ex ante (nella qualificazione) - La natura prevalentemente personale della prestazione; l’assoggettamento al potere gerarchico; il carattere continuativo; la dipendenza economica - 5.6.2. La qualificazione preventiva del rapporto; il contributo della giurisprudenza; il contributo della legge; il contributo delle parti del rapporto - L’opportunità di elaborare una definizione legale di “lavoratore dipendente”; le presunzioni legali relative; la presunzione legale assoluta; certificazione dei contratti di lavoro; sistema della consulenza preventiva; obblighi legali di informazione.en
format.extent54917 bytes-
format.extent44032 bytes-
format.extent113346 bytes-
format.extent128880 bytes-
format.extent471249 bytes-
format.extent178095 bytes-
format.extent408355 bytes-
format.extent182793 bytes-
format.extent395028 bytes-
format.mimetypeapplication/pdf-
format.mimetypeapplication/msword-
format.mimetypeapplication/pdf-
format.mimetypeapplication/pdf-
format.mimetypeapplication/pdf-
format.mimetypeapplication/pdf-
format.mimetypeapplication/pdf-
format.mimetypeapplication/pdf-
format.mimetypeapplication/pdf-
language.isoiten
subjectsubordinazioneen
subjectcommon lawen
subjectcivil lawen
subjectfattispecieen
subjecttuteleen
subject.classificationIUS/07 Diritto del lavoroen
titleFatti, fattispecie e tutele nella definizione della subordinazione, tra common law e civil lawen
typeDoctoral thesisen
degree.nameDiritto del lavoro, sindacale e della previdenza socialeen
degree.levelDottoratoen
degree.disciplineFacoltà di economiaen
degree.grantorUniversità degli studi di Roma Tor Vergataen
date.dateofdefenseA.A. 2008/2009en
Appears in Collections:Tesi di dottorato in economia

Files in This Item:

File Description SizeFormat
Frontespizio.pdfTitlepage22KbAdobe PDFView/Open
Introduzione.pdfIntroduction53KbAdobe PDFView/Open
INDICE.pdfTable of contents110KbAdobe PDFView/Open
BIBLIOGRAFIA .pdfBibliography125KbAdobe PDFView/Open
CAPITOLO 5.pdfChapter 5460KbAdobe PDFView/Open
CAPITOLO 4.pdfChapter 4173KbAdobe PDFView/Open
CAPITOLO 3.pdfChapter 3398KbAdobe PDFView/Open
CAPITOLO 2.pdfChapter 2178KbAdobe PDFView/Open
CAPITOLO 1.pdfChapter 1385KbAdobe PDFView/Open

Show simple item record

All items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved.